Blog: http://dscinema.ilcannocchiale.it

FERIE D'AGOSTO, GLI ITALIANI AL MARE - VENTOTENE



Ferie d'agosto (1996)
Un film di Paolo Virzì. Con Silvio Orlando, Sabrina Ferilli, Ennio Fantastichini, Laura Morante, Piero Natoli, Antonella Ponziani, Paola Tiziana Cruciani, Gigio Alberti, Silvio Vannucci, Rocco Papaleo. Commedia, Colore, 100 minuti

Sinossi
Nella piccola isola pontina di Ventotene si recano in vacanza due gruppi di persone che si ritrovano a trascorrere il tempo forzatamente insieme, essendo vicini di casa.
Il primo gruoo è composto da Sandro Molino, la sua compagnia Cecilia Sarcoli e Martina, una bambina, figlia di lei; Mauro, di professione attore, con la sua amica Francesca, che un tempo era fidanzata di Sandro; Betta e Graziella, conoscenti di Cecilia; Roberto, giramondo che viaggia tra l'Africa e Cuba, non si sa esattamente per quale tipo di lavoro.
Il secondo gruppo è formato da Ruggero Mazzalupi, romano, proprietario di negozi, facoltoso ma rozzo, sposato con Luciana, con la quale ha una figlia adolescente di nome Sabrina. L’uomo è da sempre innamorato della bella cognata Marisa, moglie di Marcello, un ex cantante di night passato a gestire senza successo una profumeria ed indebitato con Ruggero per una somma di 50 milioni.

Tra i due gruppi sembra esserci un reciproco odio. Un giorno Ruggero, per fare uno scherzo stupido ai danni dei loro vicini, spara, inavvertitamente, ad un extracomunitario. Chiamato dai carabinieri a rispondere del fatto, Ruggero ammette d’aver fatto una bravata, seppure pericolosa. La sera stessa, indice un’assemblea con i vicini di casa per mettere fine a questa sorta di guerra.
In un primo momento l’incontro è una vera lite per motivi personali e poi politici, ma presto le argomentazioni scemano ed i due gruppi rimangono sotto le stelle: chi a fumare dell’erba, chi a dormire, chi fa chiacchierare.
Poi, la mattina, tutto rientra. Ognuno rimane quello che era. Ormai finita la vacanza, Cecilia confessa a Sandro d’aspettare un figlio da lui. Sandro si dimostra felice e le promette di amare questo bambino come Martina, che egli sa bene essere figlia di Mauro. Roberto riparte per uno dei suoi viaggi.
Tutti gli altri tornano a casa soddisfatti tranne Sabrina, innamorata con poche speranze di un ragazzo che è costretta a lasciar andare via.

Note
Sono a confronto in vacanza due gruppi di villeggianti: l'uno di sinistra, fatto da alternativi, verdi, comunisti (c'è chi suona canzoni rivoluzionarie, chi fa nudismo, chi si fa una "canna"); l'altro di destra, sono proprietari di negozi, hanno il telefonino e vedono tutta la spazzatura della TV.
La sera di ferragosto si scontrano le due mentalità: discorsi sociali, politici, luoghi comuni a non finire.
Hanno però un comune denominatore: il disagio, una specie di infelicità di fondo che, in forme esistenziali o ideologiche, affiora qua e là.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
VENTOTENE
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato il 11/8/2006 alle 19.26 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web